I progetti dell'Ecomuseo Argentario: ricerca, documentazione, didattica, divulgazione, valorizzazione...



Progetto europeo Virtual Arch

26 GIU '18
Sottosuolo

Da luglio 2017 il territorio dell'Ecomuseo Argentario è coinvolto nel progetto europeo Interreg Central Europe "Virtual Arch", di cui è partner per l'Italia la Soprintendenza ai Beni Culturali della Provincia autonoma di Trento.

Il caso di studio per l'Italia (pilot heritage 6) è l'area mineraria medievale del Monte Calisio, il patrimonio storico che ha fatto nascere l'Ecomuseo Argentario.

Il progetto conta 10 partner internazionali ed ha un budget totale di oltre 2 milioni di euro.

Gli obiettivi generali sono:

  • promuovere la conoscenza e valorizzazione del patrimonio archeologico nascosto, poco accessibile al pubblico
  • elaborare strategie transnazionali per documentare questo patrimonio attraverso tecnologie innovative
  • proteggere i siti attraverso il coinvolgimento degli stakeholders locali (amministratori, operatori culturali e turistici, associazioni...), rendendoli una risorsa per il territorio

Per quanto riguarda il Monte Calisio, gli obiettivi specifici sono:

  • promuovere la conoscenza, tutela e valorizzazione delle antiche miniere
  • contestualizzare storicamente e archeologicamente gli imbocchi, attraverso ricognizioni di superficie e realizzazione di progetti GIS, sistematizzando i dati raccolti nel corso di progetti dell'Ecomuseo come Archaeology of the Mons Argentarius e Argentario Mapping e raccogliendone di nuovi attraverso l'intervento di una società archeologica
  • realizzare un rilievo 3D di una miniera campione
  • condividere i dati con i pubblico attraverso diversi canali multimediali (siti web, social network, app...)

Per maggiori info questo è il sito ufficiale del progetto: https://www.interreg-central.eu/Content.Node/VirtualArch.html.

Potete seguire Virtual Arch anche su Facebook e sui canali di comunicazione della Soprintendenza ai Beni Culturali della PAT (portale Trentino Cultura e pagina FB Soprintendenza per i beni culturali Trento).

Il progetto durerà fino al 2020, stay tuned!